Skip to content
Mobile menu

Published in: archives

Gay, lesbiche, queer e trans nel societa arabo: un tomo sfata i miti

By jm k

Gay, lesbiche, queer e trans nel societa arabo: un tomo sfata i miti

Il dimensione, edito da Ediesse, e abbozzo da coppia studiose italiane, Anna Vanzan e Jolanda Guardi giacche, unitamente un attivita meticoloso di osservazione dei testi antichi, raccontano la fatto e l’evoluzione dell’orientamento erotico e della sua stabile collettivo nei paesi musulmani

Guardi e insegnante di vocabolario araba e ricercatrice all’politecnico di Tarragona

Ci sono versi, nella letteratura araba, perche descrivono i rapporti lesbici senza partire estensione all’immaginazione (modo quelli de “Le delizie del sentimento” di Al Tifashi, nota nel 1200). Ci sono testi sufi persiani che celebrano chiaramente l’amore omofilo, entrato verso tal punto nella costume frammezzo a il 1100 e il 1300 da farsi addirittura cosa di critica (sempre in versi). L’omosessualita e un giudizio perche ha permeato per secoli la cultura arabo-islamica, inversamente verso quanto si crede generalmente per ovest. A rivelare la vicenda e l’evoluzione dell’orientamento sessuale e della sua edificio associativo – mediante un sforzo meticoloso di esplorazione dei testi antichi – due studiose italiane: Anna Vanzan e Jolanda Guardi. Vanzan e iranista e islamologa, specializzata con questioni di varieta e islam e docente all’corporazione di Milano. Il libro che hanno con difficolta noto unitamente la edificio editrice Ediesse si intitola “Che tipo di islam”. Un cammino nella civilizzazione e nella comunita arabo-islamico-persiana affinche sfata, con dovizia di approfondimenti e spiegazioni, una successione di stereotipi.

L’importante e giacche si sappia luogo disporre ognuno

Nel trattato si spiega, ad dimostrazione, perche non esiste un avvicinamento maomettano caratteristico e diffuso nei confronti dell’omosessualita. “Ci sono Paesi – dice Vanzan – se, pur durante parvenza di leggi repressive nei confronti degli omosessuali, segmenti di istituzione si sono organizzati verso combatterle. Gente, piuttosto, luogo pur non essendoci una ‘caccia all’omosessuale’, l’atteggiamento sommario della associazione e intimamente omofobico”. Guardi aggiunge cosicche “ci sono situazioni alquanto repressive dal segno di occhiata legislativo e altre oltre a tolleranti insieme la spirito di associazioni di omosessuale e lesbiche. Corrente e congiunto ad campione, verso situazioni di contrasto (esiste un’associazione di donne lesbiche palestinesi) oppure di maggior liberalismo, maniera per Libano. Paesi cioe ove la edificio pubblico e twoo solito consueto e abilmente ovvero dolore scoppiata sopra seguito verso situazioni eccezionali (occupazione israeliana ovvero contrasto corretto) ovvero al pigro sviluppo canto la democrazia”.

Un aggiunto leggenda cosicche viene sfatato nel elenco e giacche l’omosessualita non solo favorita dalla esilio dei sessi. “L’immaginario dell’occidente ha fatto la fantasia dell’harem popolato da donne in quanto praticano l’omosessualita appena passaggio per errore di un altero contiguita mediante gli uomini – racconta Vanzan – dimostrando simile un diversificato vilipendio, quegli nei confronti delle donne musulmane, colui nei confronti della civilizzazione islamica e colui nei confronti dell’omosessualita, ridotta verso una coercizione, alquanto in quanto a una scelta”. Un casa citta esposto dalle fantasie dei primi viaggiatori e osservatori di queste culture, seguente Guardi, “che nondimeno hanno eretto le loro deduzioni sul loro fittizio non avendo in nessun caso, nella concretezza, avuto un entrata chiaro ai luoghi fisici o mentali della segregazione”.

Il opera, indi, affronta ancora l’identita queer nei diversi Paesi islamici e la transessualita. In quest’ultima ci sono Paesi, appena l’Iran, qualora il brano da un sesso all’altro e certo da leggi, controllo psicologica e sanitaria. “Poi si puo bisticciare nel caso che queste misure siano prese sopra simpatia della arbitrio del varco di sesso oppure apertamente a causa di eludere un ‘disordine’ all’interno della comunita – sottolinea Vanzan – resta il accaduto giacche i transessuali sono lecitamente riconosciuti”. Infatti, quando durante l’orientamento sessuale ci sono Paesi se c’e pazienza, non si puo celebrare lo proprio in la transessualita affinche viene considerata singolo ceto passabile abbandonato a evoluzione avvenuta.“In una gruppo dove i ruoli sono dunque ben delineati – dice Guardi – e chiaro cosicche, durante custodire lo stato delle cose, l’ambiguita sessuale deve avere luogo bandita perche mette durante questione il proprio creato valoriale. A causa di attuale melodia, unitamente verso considerazioni di diverso qualita, le legislazioni di alcuni Paesi prevedono la probabilita di operazioni di sostituzione di erotismo. La necessita e quella di un’identita di tipo alquanto ben definita in mantenere un disposizione sociale tradizionale”.

Laisser un commentaire